martedì 16 dicembre 2008

LA NANNA

Da neonato il nostro bimbo dormirà parecchio, fino a 15 ore al di', e piu'che caleranno in maniera vistosa già attorno al primo anno.
Verso i tre anni avrà bisogno di circa 12 ore di sonno per notte e, verso i sei anni, gli saranno invece sufficienti anche solo 9 ore.

I risvegli notturni, invece, accompagnati da agitazione e capricci tendono, a lungo andare, a diventare un vero dilemma.
In questi casi è bene distinguere le piccole paure, come quella del buio, da
problemi comportamentali che cercano uno “sfogo notturno“. Se in famiglia ci sono delle tensioni, se ci sono stati cambiamenti di scuola o di casa, se è nato un fratellino, è possibile che il piccino manifesti inquietudini proprio durante il sonno.

Ma cosa agita maggiormente il sonno dei bambini? Quando è neonato si potrebbe trattare di coliche, fame e più tardi disturbi legati alla dentizione ma se i problemi persistono ecco alcuni dei piu comuni problemi.
Risvegli improvvisi:
Il bambino si sveglia piangendo, si siede sul lettino, e nel peggiore dei casi scavalca la sponda del lettino per raggiungere la mamma nel letto. Cosa fare in questi casi?
Cercare di consolarlo e coccolarlo nel proprio lettino, finchè non si riaddormenta;
se siete molto stanche lo portate nel letto con voi.

Incubi
Si sveglia all’ improvviso in lacrime durante la fase di sonno profondo. E’ spaventato.
Il rimedio è sempre lo stesso: consolarlo abbracciandolo stretto, facendogli sentire la vostra presenza fisica anche con paroline di conforto.

Terrore notturno
Dormendo urla all’ improvviso ed è molto sudato e pallido, non risponde alle carezze e alle domande.
Il bambino non è sveglio, cercate di non svegliarlo, stategli vicino finchè non si sarà calmato.
Secondo alcuni ricercatori scozzesi, spesso i problemi di insonnia nel neonato dipendono da stati ansiosi della madre che sono stati trasmessi al bambino in gravidanza. Sono questi stessi studiosi a dare qualche consiglio per abituare al sonno i bambini piccoli:

gli studiosi ricordano che mantenere degli orari regolari è molto importante, Sappiamo che sia per i bambini che per gli adulti, e ora grazie a questo studio anche per i neonati, più stabile è l’orario della nanna, meno caotico è il sonno durante la notte.
Creare dei riti, avere una routine collaudata sembrano essere le chiavi per facilitare il sonno al proprio piccolo.
fate il cambio del pannolino, mettete il pigiama al bimbo, giocate con lui e fategli le coccoline infine, prima di andare a nanna fate un tour della cameretta e salutate uno ad uno tutti i pupazzi ed i giochi del bimbo.
Se vi piace l’idea, sembra che anche alcune tecniche di massaggio concilino un buon sonno nel bambino.
Quando sara' piu grandicello imparera' ad addormentarsi da solo,per ora ha ancora bisognno della SUA mamma.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver condiviso con noi questo blog

Si è verificato un errore nel gadget