lunedì 17 novembre 2008

ILMASSAGGIO NEONATALE

Attraverso il tatto si promuove uno stato di benessere psico-fisico ed emotivo, stimolando le funzioni vitali come la respirazione, la circolazione, le difese immunitarie, il sistema nervoso.
Imparare a massaggiare il neonato significa ascoltarlo, proteggerlo, attivare un dialogo affettivo, cogliere l'importanza del legame di attaccamento, rispondere al suo bisogno di amore, stimolarne la crescita e promuoverne la salute.
I genitori che praticano il massaggio infantile possono utilizzarlo per comprendere i messaggi non sempre chiari dei loro bimbi e approfondire e riequilibrare la relazione genitori-figli.


Questo tipo di massaggio si rivela di fondamentale importanza principalmente nel primo anno dopo la nascita del bambino, che proprio dal toccare e dall'essere toccato riceve tutta una serie di informazioni che lo guidano nello sviluppo della sua personalità.
Nel bambino cure fisiche e cure psicologiche sono strettamente collegate: le cure che il bambino riceve, per quanto sembrino riguardare unicamente i suoi bisogni fisici, in realtà appagano anche bisogni psico-affettivi del neonato.

Quando praticare il massaggio
Il massaggio infantile si può praticare sin dal primo mese di vita del bimbo e può proseguire per tutta la vita, se viene utilizzato in situazioni delicate, consente un contatto positivo e rassicurante, fa nascere nel bambino un sentimento di forza e una maggiore fiducia nel Sé e nella realtà circostante.
Inoltre nei bimbi piccoli, il massaggio viene utilizzato: per alleviare le coliche e disturbi delle vie respiratorie, per instaurare una relazione più profonda tra bimbo e genitori, anche laddove non sia possibile l’allattamento al seno, per aiutare il piccolo a prendere coscienza del suo corpo.

Durante il massaggio il genitore comunica anche con lo sguardo, con la voce e dovrebbe essere portatore di un messaggio d’amore che viene recepito intimamente e profondamente dal piccolo.

Il tipo di massaggio varia a seconda delle età infantile:
  • Dai 12 mesi in poi, il il bambino incomincia a "gattonare", e massaggiarlo diventa difficile ,ma non impossibile. Si deve aggiungere alle teciniche di massaggio utilizzate finora canzoncine, filastrocche e adattarsi ai movimenti del bimbo. A volte capita che il biombo rifiuti il massaggio, in questi casi non si deve forzare la sua volontà e bisogna aspettare che sia lui a richiedercelo.
  • Dai tre anni la caratteristica del messaggio infantile accentua la sua parte ludica : si trasformare il massaggio in un gioco di gruppo.
  • Dai 6 anni, il massaggio assume un’ importante funzione riequilibratrice e antistress: è un importante momento di relax per il bambino.
  • Durante l’adolescenza, il massaggio è un modo delicato per entrare in contatto con un ragazzo che affronta importanti cambiamenti a livello livello fisico, psichico ed emotivo.

  • Nessun commento:

    Posta un commento

    Grazie per aver condiviso con noi questo blog

    Si è verificato un errore nel gadget