mercoledì 21 gennaio 2009

Ecco cosa contiene il latte materno:

Le sostanze contenute nel latte materno

Gli esperti lo definiscono specie-specifico perché è un alimento biologicamente adatto per l’essere umano: il latte materno è sempre pronto, fresco (è prodotto solo su richiesta) e ha sempre la stessa temperatura (che è quella del corpo umano). È considerato il miglior nutrimento possibile per il neonato perché la sua formula si adatta alla crescita del bebè e si modifica in base alle sue esigenze.

• Nei primi giorni di vita, in attesa che arrivi la montata lattea, il bambino succhia il colostro, un liquido giallognolo e denso, particolarmente ricco di sostanze nutritive, in particolare di proteine e sali minerali di fondamentale importanza soprattutto nei primi giorni di vita. Le proteine forniscono al bambino particolari anticorpi (come le immunoglobuline A o IgA) che proteggono il bebè sia dall’aggressione di germi e virus che dalla penetrazione di sostanze “estranee” che potrebbero causare reazioni allergiche; i sali minerali invece, compensano le perdite di liquidi che, subito dopo la nascita, determinano il calo fisiologico.

• Verso il terzo e il quarto giorno, il colostro diventa più chiaro e più cremoso. È il cosiddetto latte di transizione che si modifica giorno dopo giorno, diminuendo gradualmente la presenza di proteine e aumentando quella di zuccheri e di grassi che apportano energia e aiutano nella crescita.

• Intorno al decimo giorno, il seno materno produce il latte maturo, detto anche latte perfetto, dal colore quasi trasparente e dalla consistenza fluida.

• In casi particolari, il latte si adatta alle esigenze specifiche del bebè. Se per esempio il bambino è nato pretermine, il latte prodotto dalla mamma ha una composizione diversa da quello di una mamma che ha partorito dopo i nove mesi; è ancora più ricco di lattosio e proteine, sostanze che più di altre aiuteranno il bebè a rinforzare il suo delicato organismo.

• Durante la poppata il latte cambia la sua composizione. All’inizio del pasto viene prodotta una formula composta principalmente da acqua e zucchero che aiutano il bebè a placare la fame, fornendogli energie pronte all’uso. Poi, gradualmente, mentre il bambino succhia, il latte si arricchisce di proteine (“mattoni” per la crescita) e di grassi (che gli forniscono una riserva di energie dando al bebè un senso di sazietà).

I principi nutritivi del latte materno

I principi nutritivi del latte materno sono quelli ottimali per un bambino e sono calibrati e dosati dalla natura per le sue specifiche esigenze. Il latte materno ha un contenuto calorico importante (circa 700 Kcal al litro) e fornisce al bambino tutta l’energia e i principi nutritivi della crescita che gli servono per la sua giornata. È composto per il 90% di acqua, di cui il bambino ha un bisogno primario per produrre nuove cellule e per compensare le perdite abbondanti di liquidi.

Contiene inoltre:

• Proteine. Che sono utilizzate dall’organismo come “mattoni” per la formazione delle cellule e la costruzione dei tessuti. Le proteine, a loro volta costituite da tante piccole unità chiamate aminoacidi alcuni dei quali particolarmente importanti, sono dette essenziali. Il latte materno contiene alcune proteine molto importanti come:
- la alfalattoalbumina ricca di aminoacidi essenziali indispensabili “mattoncini” della crescita (ci dite dove avete trovato l’informazione che la alfolattoalbumina rende più disponibile il lattosio? Al nostro staff tecnico non risulta. )
- la lattotransferrina che serve al bambino per favorirne l’assorbimento del ferro e la sua disponibilità nell’organismo.

• Zuccheri.

• Grassi. Il latte materno è ricco di acidi grassi insaturi che servono per lo sviluppo delle cellule del sistema nervoso e della retina dell’occhio.

• Vitamine e sali minerali. Tra le Vitamine, la Vitamina C, la vitamina D e la vitamina E servono a rinforzare l’organismo, all’accrescimento delle ossa e svolgono una preziosa azione antiossidante e antianemica. Per quanto riguarda i sali minerali, sono presenti in quantità ideali calcio, fosforo, ferro, manganese e zinco.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver condiviso con noi questo blog

Si è verificato un errore nel gadget