domenica 20 gennaio 2013

Mamma Quasi Perfetta in 10 Mosse

1. Non fare il... papà
Cercate di non cedere alla tentazione di esercitare anche il ruolo paterno, oltre a quello che dovrebbe esservi più proprio: non fareste altro che creare pericolose confusioni emotive nei vostri figli.

2. Non essere iperprotettiva
Meglio non tenere loro il fiato sul collo, se non volete far crescere i vostri bambini troppo timidi e incapaci di affrontare sfide e delusioni della vita.


3. Non chiedere troppo
Non caricate i vostri ragazzi di aspettative eccessive. Molto meglio se accettate i loro limiti e valorizzate le loro propensioni. 

4. Evita il “muro contro muro”
Se vostro figlio è suscettibile e aggressivo, cercate di evitare lo scontro continuo. Un atteggiamento tollerante e paziente servirà ad aiutarlo a smussare gli spigoli del suo carattere. 

5. Ritagliati del tempo per stare un po’ con lui
Anche se il lavoro vi impegna molto, cercate di trovare ogni giorno un po’ di spazio da dedicare al vostro bambino. 

6. Dopo aver litigato, gioca!
Avete rimproverato vostro figlio piccolo? Il gioco è il trucco migliore, e più sano, per far tornare la serenità. 

7. Impara a decifrare i suoi messaggi
Se vostra figlia vi chiede di accompagnarla per negozi proprio il pomeriggio in cui avete previsto di andare dal parrucchiere, non pensateci due volte e spostate l’appuntamento: forse lo shopping è solo una scusa per confidarsi con voi… 

8. Chiedi aiuto, quando sei stanca
Fatevi aiutare da baby-sitter o nonni se lavorate o volete dedicare a voi stesse un po’ di tempo, ma non fatevi sostituire del tutto: i ragazzi alla lunga non ve lo perdonerebbero. 

9.Mettiti nei suoi panni
Ogni giorno, per qualche istante, cercate di osservare il mondo dal punto di vista del vostro bambino: capirete cosa prova e perché assume certi atteggiamenti. Provate a immaginare come apparite ai suoi occhi, e chiedete scusa se vi accorgete di avere sbagliato. 

10. Accettalo così com’è
Considerate vostro figlio perfetto pur con tutti i suoi difetti. Anteponete le sue necessità alle vostre, se potete. Studiate un terreno comune che permetta di soddisfare anche le vostre esigenze.
Mettiti nei suoi panni

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per aver condiviso con noi questo blog

Si è verificato un errore nel gadget